Crespelle alla fiorentina

Le crespelle alla fiorentina, sono un prima piatto al forno facile da preparare e ricco di gusto e storia. Una pietanza molto in voga negli anni 80 nei ristoranti ma che conserva ancora oggi il suo fascino culinario. Un piatto pratico e molto adatto per pranzi o cene con amici o per occasioni particolari. Nella gastronomia internazionale, il termine "alla fiorentina" indica la presenza di spinaci in una preparazione, in quanto questo ortaggio era diffusissimo a Firenze al tempo della casata dei Medici.

Ingredienti per 5 persone

  • N 10 crespelle CLICCA QUI PER LA RICETTA
  • 250 g besciamella (80g di farina per litro di latte)
  • 250 g ricotta di mucca 
  • 50 g parmigiano reggiano
  • 50 g burro
  • 80 g prosciutto cotto
  • 100 g spinaci 
  • sale, pepe e noce moscata q.b.

Procedimento

Per preparare le crespelle alla fiorentina, iniziare a comporre la farcia. Tagliare il prosciutto cotto a quadretti, nel mentre preparare la besciamella seguendo la ricetta (CLICCA QUI), una volta pronta la besciamella, far raffreddare e unire il prosciutto cotto, la ricotta, gli spinaci cotti e tritati, metà del parmigiano. Mescolare il tutto creando un composto omogeneo e condire con sale, pepe e noce moscata. 

Crespelle alla fiorentina: confezionamento delle crespelle

Imburrare la pirofila in terracotta o una teglia. Spalmare su ogni crespella un po di composto e chiuderle prima a mezzaluna e poi a spicchio, quindi disporle intercalate sulla teglia o la pirofila. Infine cospargere con burro fuso e la restante parte del parmigiano reggiano. Pulire bene i bordi della pirofila o della teglia e gratinare a 170°C per circa 20 minuti, fin quando le crespelle abbiano assunto un colore dorato e risulteranno croccanti in superficie.

Servire le crespelle alla fiorentina con della besciamella leggera (40 g di farina per litro di latte) come base o sopra e cospargere con del prezzemolo tritato. Potete inoltre sostituire il prosciutto cotto con il salmone affumicato per una preparazione a base di pesce.

Nessun commento ancora

Lascia un commento